icon-faxLogoicon-mailScroll-downicon-phoneScroll-downScroll-down

Carne bovina: per il Belgio, i Paesi confinanti restano la principale destinazione di esportazione

Nel 2019, il Belgio ha esportato 172.973 tonnellate di carne bovina registrando un calo del 12%, ovvero 24.294 tonnellate in meno rispetto al 2018. Ciò si deve alla diminuzione del numero di capi e a un calo della produzione. Circa il 93% della carne bovina belga è stato esportato verso Paesi dell’UE e solo il restante 7% è stato destinato a Paesi terzi.

Produzione

Nel 2019, il patrimonio bovino totale ha raggiunto i 2.373.100 capi, il che equivale a un calo dell’1% – pari a 24.990 animali – rispetto al 20188. Tuttavia, la produzione ha subito un calo pari a 263.750 tonnellate di peso equivalente carcassa (CWE), che si traduce in una riduzione del 4,9% – pari a 13.560 tonnellate – rispetto al 2018 e in una riduzione dello 0,5% annuo nel corso degli ultimi cinque anni

UE: calano anche le esportazioni verso i principali mercati europei

Nel 2019, i tre più grandi Paesi confinanti con il Belgio – i Paesi Bassi, la Francia e la Germania – hanno ricevuto il 73% delle esportazioni totali. Tuttavia, le esportazioni di carne bovina belga verso questi mercati hanno registrato una contrazione: le esportazioni verso i Paesi Bassi sono calate del 10%, quelle verso la Francia solo dell’1,4% e quelle verso la Germania del 19%.

L’Italia e il Lussemburgo hanno completato la classifica delle cinque migliori destinazioni di esportazione. In particolare, le spedizioni verso il Lussemburgo hanno curiosamente registrato un aumento del 17% e le importazioni di carne bovina belga nel Paese hanno raggiunto quota 4.316 tonnellate. Ciononostante, il Granducato resta un’eccezione, infatti le esportazioni verso gli altri Paesi della top 10 hanno subito un calo.

Destinazioni carne bovina belga.jpg

Paesi terzi: la Costa d’Avorio e il Ghana restano partner chiave

Sebbene le esportazioni verso questi due Paesi siano diminuite, la Costa d’Avorio e il Ghana restano i principali mercati di esportazione al di fuori dell’UE. Con 4.227 tonnellate e un calo del 17% rispetto all’anno precedente, la Costa d’Avorio è riuscita a conservare il sesto posto nella classifica generale. Il Ghana, invece, è scivolato al decimo posto con 2.536 tonnellate di carne esportata, ovvero un calo del 59%.

Il 76% delle esportazioni del Belgio ha interessato i tagli di carne, tra cui principalmente quarti freschi (29%), tagli disossati freschi (21%) e quarti anteriori freschi (10%). Infine, le esportazioni di sottoprodotti hanno raggiunto quota 24%.

Esportazioni di carne bovina belga incl. frattaglie.jpg